comunicare al telefono

Per comunicare al telefono con un interlocutore che non parla la nostra lingua, non dobbiamo soltanto superare le barriere linguistiche, ma conoscere anche le differenze culturali che possono influenzare la comunicazione.

Immagino che in ufficio rispondi al telefono molte volte per chiamate di lavoro. E magari dall’altra parte della cornetta c’è un potenziale cliente straniero.
Oppure sei tu che telefoni a un partner commerciale o cerchi contatti di lavoro con l’estero.

In questi casi la lingua veicolare è quasi sempre l’inglese anche se tu e il tuo interlocutore vivete in nazioni che parlano altre lingue.

Per condurre una trattativa di successo e conquistare il potenziale partner d’affari al telefono, non è importante solo l’aspetto linguistico. Bisogna anche considerare fattori culturali che influenzano la comunicazione al telefono con uno straniero.

Comunicare al telefono con uno straniero? Questi sono alcuni aspetti interculturali da tenere presente:
  • Far squillare a lungo il telefono prima di rispondere è una scortesia per i giapponesi. Se ciò accade, è necessario scusarsi.
  • Siamo abituati a chiedere “chi parla?” prima di presentarci. Ma per molte culture dell’Estremo Oriente non è detto che la persona che telefona debba presentarsi, perché la questione del nome è piuttosto delicata. Ad esempio, in Cina solo amici e parenti possono chiamare una persona con il nome proprio. Negli altri casi si utilizzano il cognome o altri appellativi.
  • Spesso i nordeuropei e gli americani che rispondono a una telefonata dicono il proprio numero telefonico invece del proprio nome.
  • Per le culture occidentali e nordamericane il tempo è denaro, quindi si va dritti al punto per non perdere tempo.
    Invece per molte culture orientali, latinoamericane e nordafricane è indispensabile lasciare spazio ai convenevoli prima di affrontare la questione principale. Quindi se l’occidentale va dritto al punto, il nordafricano, l’asiatico e il latinoamericano avvertono questo approccio come un’offesa e una mancanza di rispetto.
  • Nelle culture occidentali il “come va?” è una domanda di rituale cortesia alla quale si risponde brevemente. Ma spesso si pone un problema interculturale fra un inglese e un italiano. Il primo pone la domanda rituale e si aspetta una risposta concisa. Ma al “come stai?” l’italiano fornisce una risposta lunga e articolata sui propri problemi personali o professionali, che sorprende l’interlocutore.
Ti è mai capitato di affrontare situazioni di questo tipo quando parli al telefono con un interlocutore straniero?
Clip to Evernote
Comunicare al telefono con uno straniero

Raffaella Lippolis

Traduttrice freelance dall'inglese e dal francese all'italiano specializzata in servizi linguistici per il marketing, il turismo, la moda e l'audiovisivo. Cinefila e lettrice appassionata, adora Camus, Mozart, il caffè e il profumo dei libri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.