Boyhood, una riflessione

L’altra notte ho visto i Golden Globe e sono lieta che Boyhood abbia vinto tre premi importanti e meritati (Miglior Film Drammatico, Miglior Regista e Migliore Attrice Non Protagonista), visto che è uno dei film del 2014 che più ho amato.

Il film suscita interesse già prima di vederlo. Boyhood è la storia di Mason, che vediamo crescere letteralmente nelle quasi tre ore di durata perché il film copre un lasso di tempo di 12 anni ed è stato girato nel corso di 12 anni.
Al di là di queste caratteristiche che lo rendono unico nel suo genere, Boyhood è un bellissimo film, un autentico spaccato di vita.

Ricordo che quando l’ho visto sono rimasta a dir poco colpita da un’affermazione di Mason, ormai adolescente, sulla realtà che ci circonda:

È come quando si resero conto che sarebbe stato troppo costoso creare un mondo di cyborg e di robot perché i costi erano impossibili. E così hanno lasciato che gli umani si trasformassero in robot. È questo che sta succedendo adesso. Ci sono miliardi di noi che se ne vanno in giro a non fare un accidente di niente. Noi non costiamo, anzi, siamo abbastanza bravi ad auto-mantenerci e a riprodurci in continuazione. E all’occorrenza siamo già biologicamente programmati per un piccolo upgrade a cyborg. Sul serio, ho letto questa cosa l’altro giorno su come quando senti l’avviso che ti è arrivata una mail e ti viene una scarica di dopamina lungo tutto il corpo. È come se venissimo premiati chimicamente per esserci fatti fare il lavaggio del cervello. È gravissimo questo. Siamo fregati.
(Boyhood)

Che te ne pare?

Per quanto mi riguarda, ho visto tanta verità in queste parole. Pensa alle decine di notifiche che ti arrivano ogni giorno: non solo sui social network come Facebook e Twitter, ma anche applicazioni come WhatsApp. E mentre passi il tempo a leggere e rispondere, la vita ti scorre davanti senza che te ne accorgi.

Per non parlare delle email, proprio come dice Mason in Boyhood. Quando l’email è il mezzo principale che usi per lavoro e i tempi di risposta sono importantissimi – come nel mio caso – tendi a controllare la casella di posta in continuazione.

Arriva una nuova mail? Magari è una richiesta importante, un nuovo progetto, una proposta da non perdere. E invece si tratta della solita newsletter che poi non apri neppure.

Anche tu hai questa esigenza di controllare compulsivamente le email? Cosa suggerisci per limitare questa pratica?

Clip to Evernote

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*
*

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.