Motivazione: 10 frasi per ripartire alla grande

 

Un po’ di motivazione non fa mai male. Se le vacanze si sono concluse e ormai pensi all’estate con nostalgia, hai bisogno di ricaricarti per affrontare il lavoro con spirito positivo.

Oppure stai attraversando un periodo nero, sei demoralizzato perché non stai ottenendo i risultati che ti aspettavi, o gli obiettivi da raggiungere ti sembrano troppo lontani.

Nel mio piccolo mi piacerebbe aiutarti.

Allora dai un’occhiata a queste frasi motivazionali. Ogni volta che ti senti giù, non lasciarti abbattere dallo sconforto. Apri nuovamente questa pagina per trovare la tua ispirazione in queste citazioni, rileggile, scrivile da qualche parte.

E ricorda che la motivazione è alla base di tutto ciò che fai.

  1. Tutto sembra sempre impossibile finché non si fa. Nelson Mandela
  2. Le opportunità di solito sono travestite da duro lavoro, così molti non le riconoscono. Ann Landers
  3. È la curiosità che mi fa svegliare alla mattina. Federico Fellini
  4. L’energia e la persistenza conquistano tutte le cose. Benjamin Franklin
  5. Il nostro merito più grande non sta nel non cadere mai, ma nel risollevarci ogni volta che cadiamo. Ralph Waldo Emerson
  6. Il successo è l’abilità di passare da un fallimento all’altro senza perdere l’entusiasmo. Winston Churchill
  7. Non importa se vai piano, l’importante è che non ti fermi. Confucio
  8. Fai quello che puoi, nel luogo in cui sei, con quello che hai. Teddy Roosevelt
  9. Il futuro dipende da ciò che facciamo nel presente. Gandhi
  10. Qualunque cosa tu possa fare, qualunque sogno tu possa sognare, comincia. L’audacia reca in sé genialità, magia e forza. Comincia ora. Johann Wolfgang von Goethe

Spero che questa lista possa esserti d’aiuto. Se ti va, puoi aggiungere questa pagina ai preferiti e rileggerla quando vuoi per ripartire alla grande.

Quale citazione preferisci? Vorresti suggerirne un’altra?

Il segreto per imparare una lingua straniera

 

C’è un metodo infallibile per imparare una lingua straniera? In realtà non sto per svelarti il mistero del secolo.

Probabilmente è una verità che conosci già da sempre, in modo più o meno consapevole. Ti appare forse scontata, invece è tutt’altro che banale.

Il segreto per imparare una lingua straniera è molto semplice: avere l’atteggiamento giusto.

Se ti approcci alla lingua straniera con un atteggiamento negativo, pensi di non farcela e non ti senti all’altezza dell’impresa, allora il tuo tentativo di imparare la lingua non approderà a nessun risultato.

Infatti mentre ascolti qualcuno che parla la lingua straniera, non riesci a concentrarti sulle parole e sul senso perché nella tua testa si ripete un incessante “Non capisco niente!”. Oppure provi a leggere un testo e vai in crisi: vedi un insieme di parole a te sconosciute e pensi di non conoscerne il significato, quindi non capirai nulla.

Per non parlare di quando devi utilizzare attivamente la lingua straniera. Panico: non riesci a scrivere una semplice frase (troppi dubbi sulla grammatica!) o hai paura di parlare la lingua e fare erroracci.

Allora perché provarci? Forse imparare la lingua è uno sforzo inutile, giusto?
Sbagliato.

C’è una soluzione a tutto questo.
Devi cambiare il tuo atteggiamento.

Affidati alla tua motivazione. Perché vuoi imparare la lingua?
Focalizza il reale motivo alla base dell’impresa. Vuoi acquisire competenze linguistiche da impiegare sul lavoro, sentirti più sicuro quando viaggi all’estero, leggere risorse in lingua straniera altrimenti inaccessibili, conoscere persone di un’altra cultura, capire le canzoni straniere senza cantare versi senza senso…
I motivi per imparare una lingua straniera sono molteplici. Concentrati sulle tue ragioni personali e tienile sempre a mente quando temi di non farcela.

Imparare una lingua straniera è anche una sfida. Puoi sfidare i limiti che pensi di avere e smentire quella voce dentro di te che ti induce a buttarti giù. Sfida te stesso, reagisci con apertura mentale e curiosità, impara e cerca di sfruttare subito quanto hai appreso. Non limitarti alla teoria, cerca le occasioni pratiche.

Non avere paura di sbagliare. Al contrario, è grazie all’errore che riesci a memorizzare una parola, una regola di grammatica, un significato. L’errore è la base dell’apprendimento.

E ricorda che nessuno ha il diritto di giudicare i tuoi tentativi. Quindi non devi temere il giudizio degli altri, ma metterti alla prova e abbandonare pensieri quali “sono troppo vecchio per imparare” o “non sono portato per le lingue”.

Prova a eliminare il blocco mentale mettendo in pratica questi consigli quando ti approcci a una lingua straniera. È una tattica che funziona?

3 cose che puoi imparare da Mozart

Non è come pensi. Non vorrei esortarti a diventare un genio della musica come Mozart, ma suggerirti qualche consiglio per imparare qualcosa di utile per la tua vita.

Wolfgang Amadeus Mozart è un’ispirazione non solo per gli appassionati di musica classica. Nella figura di Mozart puoi trovare aspetti stimolanti come il suo estro creativo, la ricerca di un’occupazione adatta alle sue aspettative e la vocazione artistica inestinguibile.

Era senza dubbio un genio, ma non voglio farti la lezioncina sulle sue composizioni straordinarie, su come compose la sua prima opera all’età di cinque anni. Ti invito solo a prendere spunto da questi consigli per alimentare la tua motivazione.

Trai beneficio dalle pressioni dei tuoi genitori

Dotato di un talento precoce, Mozart ricevette un’intensa educazione musicale da parte del padre Leopold, che era compositore e insegnante di musica. Il bambino era talmente brillante da essere considerato un enfant prodige e fece una tournée musicale in Europa insieme ai genitori e alla sorella maggiore Nannerl, anche lei musicista (ma meno dotata del fratello prodigioso). Sollecitato dal padre, che nutriva grandi aspettative sul suo talento fuori dal comune, Mozart divenne un artista fenomenale: componeva, suonava il piano, il violino, il clavicembalo e l’organo, finché trovò servizio come musicista di corte a Salisburgo.

Siamo tutti bersaglio delle aspettative dei nostri genitori. Allora cerca di trarre vantaggio dalle loro pressioni nei tuoi confronti non solo per essere degno di loro e poter dare soddisfazioni, ma soprattutto per te stesso.
Hai un talento particolare, competenze che i tuoi genitori hanno voluto alimentare per il tuo futuro professionale? Allora mettile in pratica invece di lamentare un sentimento di oppressione. Utilizza le competenze acquisite nel tuo lavoro.

Sviluppa la tua memoria

Durante un soggiorno musicale a Roma nel 1770, ad appena quattordici anni Mozart riuscì a trascrivere interamente un’opera musicale dopo averla ascoltata soltanto due volte nella Cappella Sistina.
Nel capolavoro Amadeus di Milos Forman, la straordinaria capacità mnemonica di Mozart è mostrata nella scena in cui umilia Salieri suonando dopo un solo ascolto la marcetta di benvenuto da lui composta e riadattandola in un motivetto decisamente più brillante ed estroso che ricorda un’aria de Le Nozze di Figaro.

Perché non impari a potenziare la tua memoria?
Non ti sto invitando a sviluppare un orecchio musicale, ma a rafforzare le tue capacità mnemoniche. Sforzati di ricordare, di archiviare mentalmente le informazioni, invece di affidarle sistematicamente al cellulare o alle ricerche su internet. Certo, spesso è meglio appuntare e prendere nota, ma qualche esercizio di memorizzazione non guasta.
Ti ricordi quando a scuola ti facevano imparare le poesie a memoria? Era un piccolo allenamento mentale, ma puoi trovare altri modi per tenere la memoria in costante esercizio.

Dai una svolta alla tua professione

Mozart non sopportava le oppressioni dell’ambiente di corte di Salisburgo, così abbandonò il suo lavoro subordinato e si trasferì a Vienna, dove cercò impiego come libero artista. Nell’ambiente musicale tedesco Mozart fu il primo a lavorare come libero professionista.
A Vienna Mozart divenne il grande compositore che tutti conosciamo, componendo opere immortali, creazioni musicali su commissione, dando concerti come pianista e lavorando come direttore d’orchestra e compositore di corte. Guadagnò l’immortalità nel panorama musicale non solo grazie al suo talento creativo, ma anche attraverso le sue coraggiose scelte professionali.

Tenacia è la parola d’ordine. Non smarrire la tua determinazione sul lavoro, accogli il cambiamento, affina le tue competenze. Che tu sia dipendente o lavoratore autonomo, inoccupato o imprenditore, dimostra il tuo spirito d’iniziativa, cerca, sperimenta, sbaglia, migliora.

Non sono incosciente, sono soltanto pronto a tutto, e perciò posso tutto attendere e sopportare con pazienza, purché non ne soffrano il mio onore e il mio buon nome.
Wolfgang Amadeus Mozart

game of

Game of Translators

Che cosa hanno in comune la Madre dei Draghi, Jon Snow e i personaggi di Game of Thrones con i traduttori?

Si è conclusa di recente la quarta stagione – forse la migliore – di Game of Thrones (Il Trono di Spade). E mentre cerchiamo di ingannare l’attesa per ciò che vedremo il prossimo anno, divoriamo contenuti, immagini e video che possano farci sentire ancora a Westeros. Persino la Regina Elisabetta ha visitato il set della serie e ammirato il celebre Trono di Spade.
Il successo di questa serie che ha cambiato la televisione ha dato vita a numerosi meme, parodie e contenuti divertenti che impazzano sul web.

Allora ho pensato: E se i personaggi di Game of Thrones fossero traduttori?
Ecco una rapida carrellata con i loro profili. Ti presento… Game of Translators!

Il traduttore Tyrion Lannister

Tyrion LannisterDisprezzato da quasi tutta la sua famiglia per il suo aspetto grottesco, è stato persino soprannominato Il Gobbetto per la sua costante posizione ricurva davanti allo schermo del computer. Forse avrebbe preferito fare l’interprete, ma l’esposizione visiva avrebbe potuto ostacolare la sua carriera. Così ha optato per la traduzione, che gli consente di rimanere dietro le quinte.
Malgrado una certa ostilità e il pregiudizio che lo circonda, è un traduttore sicuro delle proprie competenze, in grado di conciliare la professione con una vita sociale decisamente attiva. Ironico, abile oratore e acuto osservatore della realtà, sa trarre vantaggio dagli eventi di networking e ha reso la sua immagine di diverso il vero pilastro del suo personal branding.
Dotato di un’intelligenza oltre la media, non rinuncia alla propria integrità: anche di fronte a false accuse nei suoi confronti, dimostra una volontà ruggente e, a dispetto delle sue dimensioni, è capace di assoggettare un’intera platea alla sua gigante forza d’animo.

La traduttrice Arya Stark

Arya-StarkSin da bambina, ha sempre avuto le idee chiare sul suo futuro. Quando le chiedevano “Cosa farai da grande?”, lei ha sempre risposto: “La traduttrice”. Ha sempre rifiutato le scelte più in voga tra le sue coetanee, seguendo i suoi progetti con ostinazione. Così si è gettata a capofitto nella sua missione professionale, mettendo da subito sul mercato le sue competenze, magari ancora un po’ acerbe.
Tuttavia la sua inesperienza le è costata cara: sfruttata dalle agenzie di traduzione che praticano tariffe da fame, delusa da quei clienti che hanno spesso annullato gli incarichi, preferendo collaborare con traduttori non professionisti, ha giurato vendetta. Il suo entusiasmo si è raffreddato, trasformandosi in desiderio di giustizia contro coloro che hanno approfittato della sua giovane età.
Lotta in prima linea per difendere la dignità di una categoria professionale spesso oggetto di pregiudizi e comportamenti scorretti da parte dei clienti.

Il traduttore Jon Snow

Jon-SnowHa deciso di consacrare la sua vita ai Traduttori della Notte, i quali sorvegliano la Barriera linguistica dalla minaccia dell’oblio che mette a repentaglio la sopravvivenza delle lingue minori. Difende le minoranze linguistiche con abnegazione, lotta senza sosta anche se è circondato dalla diffidenza dei suoi superiori, quei Project Manager che temono il suo stile singolare e dubitano delle sue competenze (“You know nothing, Jon Snow!”). Anche se in un paio di occasioni ha ceduto alla debolezza degli affetti, alla fine ha scelto di compiere la sua missione con assoluta costanza, traducendo giorno e notte e rinunciando alla vita privata.
Inizialmente è stato costretto ad accettare incarichi meno impegnativi, ma si è guadagnato col tempo la fiducia dei suoi compagni traduttori, ottenendo la responsabilità di progetti sempre più importanti. Ha giurato di rinunciare a ogni cosa pur di assolvere al suo dovere per tutta la vita: “Cala la notte, e la mia guardia ha inizio…

La traduttrice Daenerys Targaryen

Daenerys-TargaryenHa cominciato a piccoli passi e con timidezza, fino a diventare una professionista stimata e rispettata da colleghi e clienti. Dotata di una naturale inclinazione per le lingue straniere, riesce ad apprendere con facilità anche quelle più ostiche, suscitando spesso un certo stupore quando interagisce con naturalezza in una lingua che gli altri non credevano conoscesse.
Fiera, consapevole del proprio talento, non scende a compromessi e costruisce gradualmente il proprio seguito di follower che la considerano una guida valente e un’ispirazione. Ma non è esule da invidie di alcuni colleghi, che la reputano un po’ altezzosa perché molto sicura delle proprie capacità, tramando contro di lei.
Il suo talento nella traduzione è indubbio, ma una buona dose di umiltà e di gratitudine verso chi l’ha aiutata sin dall’inizio la aiuterebbero a raggiungere la vetta del settore. Senza l’ausilio dei Draghi.

Il traduttore Petyr Baelish

Petyr-BaelishBenché sia sottovalutato per la mancanza di titoli e qualifiche professionali, è un traduttore esperto e decisamente brillante. Ha una naturale predisposizione per le questioni amministrative, gestisce con naturalezza la propria contabilità e si distingue per le spiccate capacità di negoziazione. Riesce a conquistare i clienti con facilità, grazie al suo approccio empatico con cui dimostra di conoscere perfettamente le loro esigenze e soddisfare i loro bisogni.
Geniale nel valutare ogni questione relativa alla traduzione secondo tutte le prospettive possibili, cela un’indole da vero manipolatore, traendo profitto dalle alleanze con i colleghi che ha saputo stringere nel tempo. Abile stratega, sa cogliere il momento giusto per agire e raggiungere i suoi obiettivi, lavorando con costanza. La sua reale motivazione sul lavoro è l’ambizione ed è fortemente dedito a scalare la scala del successo.

Chi aggiungeresti a questa galleria di personaggi-traduttori? Jaime Lannister, Catelyn Stark, Joffrey Baratheon?
A te la parola!